Gli scatti di Vivian Maier a Genova

Genova ospita gli scatti di Vivian Maier la “fotografa ritrovata”.
Inaugurata il 23 giugno nella Loggia degli Abati di palazzo Ducale, l’esposizione raccoglie 120 fotografie in bianco e nero realizzate tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta e ad alcuni filmati in super 8 che mostrano come Vivian Maier lavorasse con i suoi soggetti.

Genoa hosts the shootings of Vivian Maier the “recovered photographer”.
Opened on June 23 in the Loggia dei Abati, in Ducale Palace, the exhibition collects 120 black and white photographs made in the period between the 1950s and 1960s along with a selection of color images taken in the Seventies and some movies in Super 8 that show how Vivian Maier worked with her subjects.

 

Vivian-Maier
PHOTO Vivian Maier, New York, 10 settembre, 1955

Tata di mestiere e fotografa per vocazione Vivian Maier, figura imponente ma discreta, decisa e intransigente nei modi, ritraeva le città dove aveva vissuto New York e Chicago con uno sguardo curioso, attratto da piccoli dettagli, dai particolari, dalle imperfezioni ma anche dai bambini, dagli anziani, dalla vita che le scorreva davanti agli occhi per strada, dalla città e i suoi abitanti in un momento di fervido cambiamento sociale e culturale. Immagini potenti, di una folgorante bellezza che rivelano una grande fotografa.

 

Nanny for profession and photographer by vocation Vivian Maier, an imposing but discreet figure, portrayed the cities where she had lived, New York and Chicago, with a curious look, attracted by small details, imperfections but also by children, by the elders, by the life flowing in the street: she portrayed the city and its inhabitants in a time of fervent social and cultural change.

 

Vivian-Maier2
PHOTO Vivian Maier 

Le sue immagini, però, non sono mai state esposte né pubblicate mentre lei era in vita. Solo nel 2007 il mondo è venuto a conoscenza del suo lavoro: in quell’anno, infatti, John Maloof, all’epoca agente immobiliare, acquistò durante un’asta parte dell’archivio della Maier confiscato per un mancato pagamento. Capì subito d’aver trovato un tesoro prezioso e da quel momento non smise di cercare materiale riguardante questa misteriosa fotografa, arrivando ad archiviare oltre 150.000 negativi e 3.000 stampe.

 

Her pictures, however, were never displayed or published while she was alive. Only in 2007, the world became aware of its work. In that year, John Maloof, at that time real estate agent, during an auction, purchased part of Maier’s archive for a non-payment. He immediately realized that he had found a precious treasure and from that moment didn’t stop looking for material about this mysterious photographer, arriving to store over 150,000 negative and 3,000 prints.

 

Vivian-Maier3
PHOTO Vivian Maier, New York Public Library, 1952

 

Nel corpus fotografico della Maier spicca la presenza di numerosi autoritratti, quasi un possibile lascito nei confronti di un pubblico con cui non ha mai voluto o potuto avere a che fare. Il suo sguardo austero, riflesso nelle vetrine, nelle pozzanghere, la sua lunga ombra che incombe sul soggetto della fotografia diventano un tramite per avvicinarsi a questa misteriosa fotografa. L’esposizione sarà aperta da lunedì al martedì, dalle 10 alle 19, sino all’8 ottobre 2017 . Biglietti 12 euro open, 10 euro intero, 8 euro ridotto.

In Maier’s photographic corpus, there are many self-portraits, almost a possible legacy with a public with whom she has never wanted or could have to do. Her austere gaze, reflected in the showcases, in the puddles, her long shadow over the subject of photography becomes a means of approaching this mysterious photographer. The exhibition will be open from Monday to Tuesday, from 10 am to 7 pm until 8 October 2017. Tickets 12 euros open, 10 euros whole, 8 euro reduced.

Annunci

Pubblicato da

Hello, my name is Sara and I'm the creator of TripOrTrek. The blog is born from my passion for travel. In my free time, I like discover new places. If you want to know my world, follow my adventures! I contenuti presenti sul blog TripOrTrek dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2012 - 2017 TripOrTrek.blog by Sara Panizzon. All rights reserved.

2 thoughts on “Gli scatti di Vivian Maier a Genova

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...