Arquà Petrarca: la perla dei Colli Euganei

Borgo medievale che conserva intatto il suo fascino antico, Arquà Petrarca, paese in provincia di Padova immerso fra i colli Euganei, è famoso per essere stato la dimora di Francesco Petrarca, sommo poeta della lingua italiana che quì desiderò trascorrere gli ultimi anni della sua vita. 

Arquà Petrarca: the pearl of the Euganean hills
Medieval village that retains its ancient charm, Arquà Petrarca, a small town in the province of Padua, nestled among the Euganean hills, is famous for being the residence of Francesco Petrarca, the great poet of the Italian language who here wished to spend the last years of his life.

Arquà_Petrarca2

Il nome: Il borgo si è sviluppato alle falde di due colli ed è abbracciato da altri monti che dolcemente scendono verso la pianura formando un arco, da cui il nome latino Arquatum, poi diventato Arquade e infine Arquà. Nel 1868 fu aggiunto il nome di Petrarca. Il richiamo alla memoria del poeta favorì nei secoli la costruzione di case e ville di molte famiglie venete che oggi costituiscono un patrimonio artistico ed architettonico di valore tanto che la città di Arquà Petrarca è stata ammessa al ristretto club dei Borghi più Belli d’Italia ed ha anche ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club.

The name: The village developed on two hillsides and is embraced by others, who gently descend towards the plain forming an arc, from which the Latin name Arquatum, then became Arquade and finally Arquà. In 1868 it was added to the name of Petrarca. The memory of the poet favored over the centuries the construction of houses and villas of many Venetian families that today constitute an artistic and architectural heritage of value, as much as the town of Arquà Petrarca was admitted to the club of the most beautiful villages of Italy and it also received the Orange Flag of the Touring Club.

ArquaPetrarca6

Arquà_Petrarca1

Passeggiare fra i vicoli di Arquà Petrarca è un viaggio nel viaggio: infatti il passato rappresentato da edifici storici come l’oratorio di SS.Trinità e la Loggia dei Vicari, il luogo dove nel medioevo i capifamiglia discutevano dei problemi del paese, sono affiancati da case sulle quali spiccano bellissimi, colaratissimi e modernissimi murales.
Seguendo i disegni della street art avrete modo di scoprire la Fontana del Petrarca e la Chiesa di Santa Maria Assunta davanti la quale si erge la tomba del poeta

Walk through the alleys of Arquà Petrarca is a journey into the journey: in fact, the past, represented by historic buildings such as the oratory of SS.Trinità and the Loggia dei Vicari, the place where in the Middle Ages the family heads discussed the problems of the country, are flanked by houses on which stand out beautiful, colorful and modern murals. Following the street art drawings, you will find the Fontana del Petrarca and the Church of Santa Maria Assunta, which stands opposite the tomb of the poet.

ArquaPetrarca7

ArquaPetrarca3ArquaPetrarca4 ArquaPetrarca8

ArquaPetrarca5

ArquaPetrarca9

LA TOMBA E IL MISTERO DEI RESTI: Francesco Petrarca morì, colpito da sincope, nella notte fra il 18 e il 19 luglio 1374 alla vigilia del suo settantesimo compleanno. Per volontà testamentaria le sue spoglie furono sepolte dapprima nella chiesa del paese e poi collocate nel 1380 nel sarcofago di marmo visibile tutt’oggi. Nel 1630, però, la tomba venne depredata e fuorono portate via alcune ossa del braccio destro del poeta che non furono mai recuperate. C’è un altro mistero da risolvere: nel 2004, infatti, venne fatto analizzare il teschio contenuto nel sarcofago e si scoprì che questo non apparteneva al poeta, bensì a una donna del 1207. Di chi fosse quella testa e perchè si trovasse nella tomba del Petrarca restano misteri. Il resto dello scheletro, invece, appartiene davvero al Petrarca perchè presenta delle costole fratturate: il poeta infatti fu ferito da una cavalla con un calcio al costato.

Francesco Petrarca died, struck by syncope, in the night between 18 and 19 July 1374 on the eve of his seventy birthday. For will-will, his remains were buried first in the church of the village and then placed, in 1380, in the marble sarcophagus visible to this day.In 1630, however, the tomb was plundered and some bones of the poet’s right arm were taken away: they were never recovered. There is another mystery to solve: in 2004, the skull in the sarcophagus was analyzed and it was found that this didn’t belong to the poet, but to a woman of 1207. Who belonged to that head, and why it was in the tomb of Petrarca remain mysteries. The rest of the skeleton, however, really belongs to the Petrarca because it has fractured ribs: the poet, in fact, was injured by a horse with a kick at the cost.

ArquaPetrarca10

La vera attrazione del paese però è la Casa del Petrarca.
La struttura originaria della casa era del Duecento e fu lo stesso Francesco Petrarca, a partire dal 1369, quando gli fu donata dal Signore di Padova Francesco il Vecchio da Carrara, a presiedere i lavori di restauro. Il Poeta creò un unico alloggio con due unità abitative riservando come abitazione per sé e per la propria famiglia il piano sopraelevato dell’edificio, mentre per la servitù l’edificio di destra. Nel cinquecento ne divenne proprietario il nobile padovano Pietro Paolo Valdezocco che fece dipingere le pareti con tempere rappresentati scene ispirate al Canzoniere, ai Trionfi e all’Africa, tutte opere del Poeta. L’ultimo proprietario, il cardinale Pietro Silvestri, la donò, nel 1875, al Comune di Padova. Attualmente sono ancora conservati, lo studiolo in cui morì il poeta, con sedia e libreria originali.  La visita alla casa si può concludere con una curiosità: cercare e trovare la nicchia in cui è custodita la mummia della gatta che si dice fosse appartenuta al Poeta.
Orari: da marzo a ottobre 9-12.30/ 15-19, da novembre a febbraio 9-12 / 14.30-17.30. Biglietti: intero 4 euro, ridotto 2 euro.

ArquaPetrarca15
The real attraction of the city, however, is the Casa Petrarca: The original structure of the house was from the 13th century and it was Francesco Petrarca himself, starting from 1369 when it was donated by the Lord of Padua Francesco the Elder from Carrara, to preside over the restoration work. The Poet created a single accommodation with two units, reserving the raised floor of the building for himself and his family, while for the servitude the right building. In the sixteenth century, it became the owner of the noble Padua Pietro Paolo Valdezocco who painted the walls with temples represented scenes inspired by the Canzoniere, the Triumphs and Africa, all works of the Poet. The last owner, Cardinal Pietro Silvestri, donated it to the City of Padua in 1875. Currently, they are still preserved the small study where the poet died with chair and original library. The house tour can be concluded with a curiosity: look and find the niche that houses the mummy of the cat that has been said to have belonged to the poet. Hours: March to October 9-12.30 am/ 3-7 pm, November to February 9 -12 am / 2.30-5.30 pm. Tickets: full 4 euro, reduced 2 euro.

ArquaPetrarca13ArquaPetrarca14

gatta

Come ogni Comune italiano anche Arquà Petrarca ha le sue peculiarità enogastronomiche: oltre ai vini D.o.c. dei colli Euganei qui potrete degustare anche l’olio d’oliva Veneto Dop, ma soprattutto le giuggiole: frutto di colore scarlatto, dalla forma di oliva con polpa giallastra, ottimo per confetture, sciroppi, e molto apprezzato quando viene conservato sotto spirito e usato per il “brodo” ovvero un liquore, a bassa gradazione alcolica di colore rosso che ha un gusto pieno e dolce. E’ ottimo come dopo cena, ma anche come digestivo.

Like every Italian municipality, Arquà Petrarca has its peculiarities of food and wine: in addition to wines D.o.c. Of the Euganean hills here you can also taste olive oil Veneto Dop, but especially jujubes: fruits of scarlet color, with the form of olive with yellow pulp, great for jams, syrups, and very appreciated when it is used for “broth” a liqueur with a low alcohol content of red color that has a full and sweet taste. It’s great as after dinner, but also as a digestive.

ArquaPetrarca11

Annunci

Pubblicato da

Hello, my name is Sara and I'm the creator of TripOrTrek. The blog is born from my passion for travel. In my free time, I like discover new places. If you want to know my world, follow my adventures! I contenuti presenti sul blog TripOrTrek dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2012 - 2017 TripOrTrek.blog by Sara Panizzon. All rights reserved.

8 thoughts on “Arquà Petrarca: la perla dei Colli Euganei

  1. Ricordo di esserci stato che ero poco più di un bambino, anzi, ero proprio un bambino. E ricordo pure che a scuola, erano le elementari, feci un figurone con la maestra perchè, essendoci stato da poco tempo, seppi dirgli, a 10 anni, dove era morto Petrarca. Spero di ritornarci, perchè non me la ricordo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...